La neve

Milano

Le terme

I viaggi

La metro

Sostenibilità

La bici
-Home » La bici » Viaggi in bici » Svizzera » 2007 » Tappe n.14-15
torna »
|GITE| |CICLABILI| |VIAGGI| |CRITICALMASS| ^ torna


Svizzera


Tappa 14

Thusis - Splugen

Ennesima notte con pioggia battente dalla sera prima senza interruzioni. Appena al mattino spunta un raggio di sole ne approfittiamo per asciugare

la tenda e ripartire. Si parte in salita verso la famosa "via mala", le gole sono uno spettacolo, ad ogni cambio di visuale riscopriamo il piacere di pedalare tra i monti. Ci fermiamo diverse volte, non resistiamo agli scorci che si presentano di continuo, fenditure fra le rocce ed il fiume in basso lontanissimo che forma piccole piscine naturali trasparenti di colore verde chiaro. Ogni

tanto si scorge il sentiero, la "via spluga", con le sue passerelle sospese in aria, pensiamo che anche a piedi deve essere un gran piacere fare questo

itinerario. Prima di Andeer finisce il primo tratto in pendenza, la cittadina termale è a circa 1000mt. In paese inizia a piovere, ci fermiamo a mangiare riparati fuori la sede della posta. Ripartiamo col sole, ma dopo i tornanti che portano su a Splugen riprende a piovere deciso e fa freddo. Bagnati fradici entriamo in un hotel, la stanza calda, tutta in legno, ci sembra un sogno.

Tappa 15 (Passo del San Bernardino)

Splugen - Bellinzona

Dalle finestre si scorge tra le nubi alcune vette imbiancate, pensiamo che forse stavolta ci beccheremo anche la neve. Il primo tratto è quasi tutto in

piano fino a Hinterrhein e lo facciamo sotto goccioline sottili, i paesini che si incontrano sono deliziosi, verrebbe voglia di restare altri giorni in questi luoghi meravigliosi. Iniziati i tornanti spunta il sole e la salita fino al passo è regolare e molto piacevole. In cima la gioia ci assale, beviamo un caffè al rifugio, sentiamo di nuovo la lingua italiana. Il pensiero va ora ai 40km da fare in discesa

roba da sogno, superato il laghetto si intravedono i tornanti del versante sud, evvaiii! Polline va avanti per prima e diventa piccola piccola mammano

che scende. Fino a S. Bernardino paese bisogna purtroppo frenare spesso, poi c'è un breve tratto lievemente in salita, ma è solo un breve intervallo prima rituffarsi ancora in discesa. Dalla montagna sbuca l'autostrada entrata nell'altro versante, strano vedere i paesi dall'alto così piccoli, sembrano lontani eppure arrivano subito. Ancora qualche tornante ed arriviamo a Mesocco,

centro storico molto bello, nel scendere ci stiamo sciogliendo, è un piacere sentire l'aria sempre più tiepida, durante la pausa togliamo qualche strato.

E' dolce anche il paesaggio, sembra finita e invece si scende ancora, pare un taglio continuo tra i monti, poi la pendenza diminuisce ed ai lati alte pareti rocciose ricche di cascate. Dobbiamo ricominciare a pedalare, ma è un appoggio lieve ai pedali, cambia la vegetazione, appaiono vigneti e campi di mais, peccato che arriviamo anche stavolta sotto l'ennesimo acquazzone.

Il taccuino di Polline

« Tappe 12-13

Ingrandisci la mappa
20° GIORNO

In bici (tappa 14)
Percorsi 28,50 km
Dislivello 800 m
Ore in sella 3h19

Spese
Totale 93,70 euro
cibo 27 euro
dormire 65 euro
extra 1,70 euro

21° GIORNO

In bici (tappa 15)
Percorsi 76,34 km
Dislivello 650
Ore in sella 4h53

Spese
Totale 43,96 euro
cibo 25 euro
dormire 17,56 euro
extra 1,40 euro




22° GIORNO

Riposo
Percorsi 0
Dislivello 0
Ore in sella 0

Spese
Totale 47,56 euro
cibo 30 euro
dormire 17,56 euro