La neve

Milano

Le terme

I viaggi

La metro

Sostenibilità

La bici
-Home » La bici » Viaggi in bici » Svizzera » 2007 » Tappe n.12-13
torna »
|GITE| |CICLABILI| |VIAGGI| |CRITICALMASS| ^ torna


Svizzera


Tappa 12

St. Margrethen - Bad Ragaz

Come ogni mattina si congela, nel praticello vicino le piscine dove ci hanno accolto c'è un pò di nebbiolina, però abbiamo dormito benissimo. I tavoli

all'aperto sono comodi per la colazione e ripartiamo. Anche in questo caso il camping è costato poco con bagni pulitissimi, acqua calda a volontà, piscine, prati curati, ecc. La ciclabile n.2 ci aspetta anche se non la seguiremo fedelmente in questa tappa. Al primo ponte svoltiamo e varchiamo il confine, siamo in Austria. Poco prima di Feldkirch la spesa è un ritorno momen

taneo ai prezzi in euro, da qui seguiamo le indicazioni FL. Varcato il confine pedaliamo fino al primo paese per il nostro primo pic-nic nel Liechtenstein.

Tornando sul fiume, sempre linea di confine, scopriamo che anche il nostro principato ha la sua ciclabile sulla riva. La seguiamo per poco perchè rideviamo all'interno per visitare Vaduz, la capitale. Rientriamo in Svizzera da un ponte ciclabile di legno, è pomeriggio, si è alzato un vento che risale dal basso, che bello, è a favore, spinge verso sud aiutando il nostro ritorno fra i monti.

Gita a piedi alle fonti Tamina



Siamo arrivati abbastanza in fretta a Bad Ragaz sapendo delle terme, così anche se avesse fatto freddo o piovuto avremmo potuto gustare lo stesso

alcuni giorni di riposo con bagni caldi nelle piscine all'aperto, invece fa molto caldo, cosi non lo avevamo ancora provato dopo il passo del San Gottardo. Il bellissimo camping immerso in una pineta a due passi dal centro è vicino anche al fiume, così decidiamo di fare dei tuffi rinfrescanti, le acque sono proprio gelide! Il giorno dopo partiamo verso la Taminatal, dove sgorgano fra le rocce le

acque termali, per poi essere convogliate in paese. La strada è chiusa al traffico privato, accede solo qualche corsa dei bus postali, la valle chiude

tra alte pareti rocciose, fino a formare una gola profonda e impressionante. E' di una bellezza unica, ricca di boschi e cascate. Per arrivare alla sorgente bisogna passare una gabbia girevole automatica, inseriti 4Fr. permette l'accesso alla passerella che scompare inghiottita tra le pareti rocciose. Qui l'ombra è perenne e l'aria è fredda, in alto non si vede che un piccolo taglio di cielo.

Tappa 13

Bad Ragaz - Thusis

Da oggi si inizia a risalire sul serio, entriamo nei Grigioni, quando a Chur salutiamo definitivamente la n.2 per prendere la n.6, ci sembra da subito

che questa sia una pista ciclabile più movimentata, con diversi sterrati e pendenze forti. Il tempo è tornato grigio e minaccioso ma tiene fino quando giungiamo al campeggio alle porte di Thusis, poco dopo la biforcazione della pista, quella che va verso l'Engadina. Siamo immersi anche qui in una fitta ed alta pineta, solo dopo aver fatto alcuni gradini uscendo dal cancelletto sul retro

scopriamo di essere in paese :)

Il taccuino di Polline

« Tappe 9-11

Ingrandisci la mappa
16° GIORNO

In bici (tappa 12)
Percorsi 70,76 km
Dislivello 100 m
Ore in sella 4h40

Spese
Totale 40 euro
cibo 22 euro
dormire 18 euro

17° GIORNO

Riposo
Percorsi 0
Dislivello 0
Ore in sella 0

Spese
Totale 43 euro
cibo 25 euro
dormire 18 euro

18° GIORNO



A piedi
Percorsi 12 km
Dislivello 400

Spese
Totale 50,60 euro
cibo 30 euro
dormire 18 euro
extra 4 franchi

19° GIORNO

In bici (tappa 13)
Percorsi 53,32 km
Dislivello 200 m
Ore in sella 3h39

Spese
Totale 34 euro
cibo 18 euro
dormire 16 euro