La neve

Milano

Le terme

I viaggi

La metro

Sostenibilità

La bici
-Home » La bici » Viaggi in bici » Svizzera » 2007 » Tappe n.1-3
torna »
|GITE| |CICLABILI| |VIAGGI| |CRITICALMASS| ^ torna


Svizzera


Tappa 1

Milano - Lago Ghirla

Imbocchiamo la Varesina verso l'ora di pranzo per evitare il caos di auto. Il caldo è torrido, classico forno padano d'estate, solo le fontanelle pubbliche

lungo il percorso e una coop nuova appena aperta a Turate ci hanno salvato. Dopo Varese imbocchiamo la Valganna e nonostante la lieve fatica l'aria diventa più respirabile. E' sempre molto caldo ma meno umido, superato il laghetto Ganna deviando dalla strada troppo trafficata troviamo una pista ciclabile all'ombra che ci conduce sulle sponde del lago Ghirla fino al campeggio.    map

Tappa 2

Lago Ghirla - Bellinzona

Il gestore del campeggio ci spiega che hanno realizzato una pista ciclabile fino a Ponte Tresa riutilizzando l'antico tracciato della ferrovia dismessa.

Davvero piacevole, una serie di curve in discesa tutta nel bosco e lontano dal traffico, arriviamo in un attimo al confine svizzero, qui torniamo nel traffico caotico, non vediamo l'ora di raggiungere la ciclabile nazionale n.3 proveniente da chiasso per dirigerci verso nord. Una volta superata la periferia di Lugano cambia la musica, si entra nella quiete, il traffico è diverso, meno

stressante ed anche meno intenso. Qui pedalare è piacevole, affrontiamo la risalita al Monte Ceneri sotto il sole dopo la sosta sul prato di una bella

chiesetta in pietra, con l'ombra e cibo, verdure fresca e una formaggella ticinese buonissima presa a "Ul Buteghin" sulla strada. Dopo il passo ci lasciamo andare velocissimi lungo la discesa che porta alla piana del Mangadino ed arriviamo a Bellinzona nel pomeriggio. Il campeggio è piccolo e accogliente, davvero rilassante, non resta che fare un bel bagno fresco nel Ticino :)   map

Tappa 3

Bellinzona - Chiggiogna

Stupendo, la ciclabile passa proprio dal camping, quindi pedaliamo da subito senza auto, tra i boschi e lungo il fiume. Il primo tratto è in pratica

quasi pianeggiante fino a Biasca dove facciamo una pausa per il pranzo. Bello quando abbiamo incrociato l'arrivo della pista ciclabile nazionale n.6 che arriva dal passo del S.Bernardino, chissà se torneremo da li come abbiamo previsto. Ripreso il cammino ci rendiamo conto di essere sempre più immersi in un ambiente montano, la vallata si stringe ed intorno le vette sono sempre più

alte. Queste ciclabili sono favolose, permettono di scoprire ogni angolo del paese, ad un tratto scorgiamo nel bosco delle case in pietra mimetizzate

nella montagna, non avremmo mai raggiunto questi crotti in località Val d'Ambra senza ciclabile. Affascinanti e rinfrescanti, un luogo davvero bello, dopo una piccola sosta riprendiamo ed iniziamo le salite impegnative. Dopo Giornico, molto grazioso con i ponti in pietra, la ferrovia sbuca da tutte le parti con i suoi tornanti in galleria, continuiamo a salire fino a Chiggiogna

poco prima di Faido, dove ci accamperemo 2 giorni per riposarci prima di affrontare il S. Gottardo!

Il taccuino di Polline


Ingrandisci la mappa
1° GIORNO

In bici (tappa 1)
Percorsi 64,55 km
Dislivello 400 m
Ore in sella 4h22

Spese
Totale 46 euro
cibo 28 euro
dormire 18 euro

2° GIORNO

In bici (tappa 2)
Percorsi 57,43 km
Dislivello 350 m
Ore in sella 4h05

Spese
Totale 43 euro
cibo 25,50 euro
dormire 17,50 euro

3° GIORNO

In bici (tappa 3)
Percorsi 47,11 km
Dislivello 500 m
Ore in sella 4h03

Spese
Totale 69,20 euro
cibo 50 euro
dormire 19,20 euro


Ingrandisci la mappa
4° GIORNO

Riposo
Percorsi 0
Dislivello 0
Ore in sella 0

Spese
Totale 50,20 euro
cibo 31 euro
dormire 19,20 euro