La neve

Milano

Le terme

I viaggi

La metro

Sostenibilità

La bici
torna »
|GITE| |CICLABILI| |VIAGGI| |CRITICALMASS| ^ torna



Pragersko - Umag
Tappa 9

Quando apriamo gli occhi rimaniamo a bocca aperta, fuori è cambiato tutto, siamo passati dai pendii verdissimi ai campi gialli bruciati dal sole.

Chiediamo, ci dicono che siamo a pochi minuti da Koper, infatti dopo poco vediamo il mare. E' una sensazione forte essere passati dal paesaggio nordico a quello mediterraneo. Scesi dal treno partiamo alla ricerca della D8, la ciclabile ricavata dall' antico tracciato della ferrovia Trieste - Porec ora in disuso. La imbocchiamo e ci ritroviamo proprio in riva al

mare, immersi nel profumo di salsedine. Ad Isola D' Istria si va verso l' interno, le indicazioni, anche se abbondano non sono sempre il massimo della precisione, alcune salite sotto il sole cocente ci hanno condotto

verso strade chiuse. E' meglio pedalare senza pensarci altrimenti i nervi saltano, tagliamo tra orti e campi in pendenza con il carico che sobbalza e finalmente ritroviamo le segnalazioni. L' itinerario è molto bello, tra frutteti e oliveti e saliscendi, si entra anche in un paio di vecchi tunnel riadattati, gli unici attimi di refrigerio, verrebbe voglia di fare tappa li sotto. Non si incontrano fontane,

poco prima del confine con la Croazia ci dissetiamo in un bar. Dopo il confine, soffriamo parecchio il caldo ed il traffico, dobbiamo salire lungo la

statale molto frequentata. I kilometri prima di arrivare al mare sono davvero duri, abbiamo poca acqua ed il caldo è soffocante. Giunti a Umag prendiamo un' enorme anguria che porteremo sul portapacchi ed ogni tanto divoreremo. Prima di trovare un camping che ci piace, facciamo altri 10 km, poi finalmente ci fermiamo, anche se la reception sembra quella di un albergo, il posto sembra

bello, immerso in una natura rigogliosa. E' davvero pieno, oltretutto pare essere esploso un delirio collettivo di bisogno di rimarcazione dello spazio. Quasi tutte le roulotte hanno dei recinti più o meno elaborati, mah... Noi mettiamo il nostro tendino e godiamo dello spazio circostante.



Il taccuino di Polline

« Tappa 8

-

11° GIORNO
Distanze
Percorsi 343,45 km
In treno 290 km
In bici 53,45 km
Ore in sella 4h17

Spese
Totale 79,86 euro
viaggio 33,50 euro
cibo 19,36 euro
dormire 27 euro
12° GIORNO
Distanze
Percorsi 0 km
In treno 0 km
In bici 0 km
Ore in sella 0
Spese
Totale 51,50 euro
viaggio 0 euro
cibo 24,50 euro
dormire 27 euro

13° GIORNO
Distanze
Percorsi 0 km
In treno 0 km
In bici 0 km
Ore in sella 0
Spese
Totale 61 euro
viaggio 0 euro
cibo 34 euro
dormire 27 euro