La neve

Milano

Le terme

I viaggi

La metro

Sostenibilità

La bici
torna »
|GITE| |CICLABILI| |VIAGGI| |CRITICALMASS| ^ torna



Kanegra - Ankaran
Tappa 11

Ci svegliamo all'alba per affrontare la tappa più dura, siamo ancora spaventati dal caldo ed il traffico incontrati all'andata. E' ancora fresco ed

è nuvolo, mentre affrontiamo la ripida salita che riporta sulla statale, ci accorgiamo di una sterrata sulla sinistra, sembra abbastanza battuta, proviamo a prenderla. Mentre la percorriamo ci domandiamo se porterà da qualche parte o se dovremo tornare indietro. Certo è che in alcuni tratti pare proprio la sede di una antica ferrovia smantellata siamo immersi nella macchia

mediterranea dall'alto si aprono scorci favolosi sulle saline in territorio sloveno. Pian piano si scende di quota, ad un bivio svoltiamo a destra, dovremmo trovarci ora proprio lungo la linea di confine, proseguiamo e...

con grosso stupore, spuntiamo proprio al casello della dogana. La stradina sbuca di fianco l'ingresso del casinò che si vede sulla destra appena dopo il confine, venendo dalla Slovenia, l'avessimo saputo all'andata...! Probabilmente è la continuazione della ciclabile Trieste - Porec, che in Croazia, come in Italia, ancora non è stata creata, infatti non c'è nessuna indicazione.

Ripercorriamo alcuni tratti della D8 ed eccoci a Koper, troviamo un market e pranziamo in un parchetto. Che bello, il tratto di cui avevamo tanta paura l'abbiamo già superato ed al fresco e non è nemmeno mezzogiorno, poi svanoscono le nubi e si ritorna a bruciare. Il centro cittadino è caratteristico, lo visitiamo con piacere. Con fatica ritroviamo la pista ciclabile anche se poco prima del confine l'abbandoniamo per deviare lungo la costa verso Ankaran dove pernotteremo nell'ultimo campeggio a disposizione in territorio sloveno.



Il taccuino di Polline

« Tappa 10

-


16° GIORNO

Distanze
Percorsi 52 km
In treno 0 km
In bici 52 km
Ore in sella 6h25

Spese
Totale 56,90 euro
viaggio 0 euro
cibo 33,90 euro
dormire 23 euro