La bici

La neve

Milano

Le terme

La metro

Sostenibilità

I viaggi
torna »
|GIRI| |GITE| |VIAGGI| |A PIEDI| ^ torna


3° giorno

Il Viterbese


Prima vento e pioggia, poi solo il grigio scuro dei nuvoloni gonfi, un mattino così, con poche persone, dona una pace straordinaria a questo luogo già di

per se tranquillo. Appoggiando la testa sul bordo bianco calcareo della vasca, si sentono l' acqua convogliata nelle cascatelle ed il vento, un silenzio che nessuno vuole infrangere, veniamo trascinati nella distensione totale, un sublime abbandono al solo ascolto dei sensi... Siamo pronti per proseguire, le indicazioni sono quelle di alcuni abitanti del posto, senza farci tornare sulla

statale, se indoviniamo tutti i bivii delle stradine sterrate, arriviamo al famoso Bullicame. Questo cratere è affascinante, una quantità d' acqua

impressionante, dai colori bellissimi, continua a sgorgare ed affiorare. A poche centinaia di metri, c'è un' altra fonte, la Carletti, in un prato dotato di parcheggio libero, l' acqua convogliata forma alcune vasche balneabili. Al tramonto partiamo verso Grosseto, dove Seme riprenderà il treno per tornare a Milano, sulla strada c'è Tuscania, la cittadina di origine etrusca forse più importante, al passaggio risaltano tantissimo le mura illuminate, ci fermiamo e percorriamo a piedi tantissimi vicoli e curiosiamo in alcuni cortili. Dopo il saluto alla stazione il viaggio continua ancora, direzione Siena, è ormai notte fonda, dalla superstrada si può vedere solo buio, prendiamo un'uscita, la stradina è quella giusta, siamo a Petriolo.



« 2° »